Evening Post, le storie di oggi

8 gennaio 2019 

Ci chiedono spesso come facciamo a far sì che le conversazioni che abbiamo nelle chat, per quanto leggere e con toni scherzosi, restino utili e produttive e non si trasformino in una perdita di tempo per tutti.
Non abbiamo una risposta definitiva. Nella maggior parte dei casi, le conversazioni futili si esauriscono naturalmente. Nei casi in cui invece proseguono oltre il necessario e le persone che le portano avanti sono soltanto due, in genere succede questo:

I titoli:
Il governo salverà Carige, e lo farà con i soldi del decreto Gentiloni (che aveva definito “un vergognoso regalo alle banche”).
Si parla molto dei neonati morti agli Spedali Civili di Brescia.
Un cittadino italiano che si era unito ai curdi per combattere l’ISIS è morto in Siria.
L’economia dell’Eurozona sta peggiorando, per il secondo anno di fila.
C’è maretta tra Turchia e Stati Uniti.
Kevin Spacey si è dichiarato innocente.
Di Maio fa il tifo per i gilet gialli, con punteggiatura entusiasta.

Ivan Carozzi riparla della foto dell’ambulante trascinato lontano da Salvini a Teramo e del video che mostra la stessa scena. Lo avete visto? Salvini dice una frase molto, molto rivelatoria.
Gli Stati Uniti hanno ridotto lo status diplomatico dell’Unione Europea. Cioè? L’Unione Europea, invece, ha imposto sanzioni all’Iran, ma la parte interessante della storia è il motivo.
Gli infermieri stranieri stanno fuggendo da Brexit ed è un bel problema per il sistema sanitario britannico.

Cyntoia Brown, l’ergastolana americana a cui si era interessata Rihanna, è stata graziata.
In Belgio una nuova legge regionale vieta la macellazione rituale a ebrei e musulmani, e se ne discute molto. È qualche giorno che il Partenone somiglia molto alla sua versione souvenir, quella con l’acqua e la neve finta dentro.

Dopo Apple, anche Samsung ora è pessimista, e si conferma quello che dicevamo: tutti i segnali fanno pensare che il periodo d’oro degli smartphone stia finendo.
LG, intanto, ha fatto un televisore che si arrotola.

Oggi la nostra proverbiale concentrazione si è infranta quando abbiamo notato come stavano dipingendo una facciata del palazzo di fronte. Siamo rimasti affascinati, e abbiamo un sacco di domande: il pennello sarà legato in qualche modo? E le pause come funzionano?

Abbiamo provato una “maschera per i piedi”, anche se rimproveriamo all’industria cosmetica questo uso improprio di “maschera” per un prodotto che va messo su parti del corpo che non sono la faccia. Sarebbe più corretto definirlo un “sacchetto per i piedi”, ma sarebbe molto meno glamour, ci rendiamo conto. Funziona, comunque.

Stasera in tv ci sono varie cose ma finirete a guardare la seconda parte di Titanic, come tutti. E comunque alla fine hanno ammesso che sì, ci sarebbe stato anche lui su quella stupida zattera. Noi ci sentiamo domani qui, oppure vi telefoniamo. Buona serata.

Cose da leggere

Il governo degli Stati Uniti è ancora “chiuso” e stasera Trump parlerà in tv in quello che, di fatto, sarà un discorso alla nazione a reti unificate: le cose da sapere.

È arrivato il momento di farsi questa domanda: le sigarette elettroniche fanno male?

Mai portare un figlio che ha sonno al tuo discorso inaugurale

Vicente Zambada Niebla, il testimone più atteso al processo contro El Chapo, ha parlato in aula per più di cinque ore, durante le quali ha raccontato un bel po’ di cose.

Si riparla di “escape room” e della loro sicurezza, dopo che in Polonia cinque persone sono morte nell’incendio di una stanza da cui non si poteva uscire.

Condividi come una delle tue ragazze francesi

Twittera

Manda a qualcuno

Continua sul Post

Copyright © 2019 Il Post, All rights reserved.

Puoi controllare i tuoi dati o non ricevere più questa newsletter
E puoi inoltrare questa newsletter a chi vuoi, oppure registrarti qui se te l’ha inoltrata qualcuno che ti vuole bene. Grazie.

Evening Post, le storie di oggi ultima modifica: 2019-01-08T18:27:37+02:00 da il Post
I proprietari delle newsletter possono richiedere di rimuovere il contenuto da loro creato e inibire le future pubblicazioni scrivendo a scrivimi@leggonewsletter.it

Hai ricevuto anche tu questa Newsletter? Cosa ne pensi?

Utilizziamo i tuoi dati solo per poter pubblicare il tuo commento.Leggi la pagina della privacy policy per sapere come proteggiamo i dati che inserisci per commentare. I commenti sono protetti da spam da Akismet. Leggi la privacy policy di Akismet per sapere come trattano i tuoi dati.