Iniziamo l’anno con una notizia fantastica!

Chiuso un altro allevamento di visoni Non vedi le immagini? Clicca qui
Ti ringraziamo per aver deciso di seguire Essere Animali

CHIUSO UN ALTRO ALLEVAMENTO DI VISONI!

Le feste sono finite ma il 2019 ci regala subito un motivo per festeggiare: un altro allevamento di animali da pelliccia ha chiuso i battenti per sempre!

Lo stabilimento si trovava a Misano di Gera D’Adda (BG).

Nel 2014 avevamo scoperto l’apertura di questo nuovo luogo di sofferenza e subito organizzato un corteo di protesta. 

L’allevamento uccideva circa 2000 animali ogni anno, ma oggi – dopo solo 4 anni – le sue gabbie sono vuote. Le strutture non sono ancora state smantellate, ma le istituzioni locali confermano la chiusura dell’attività.

 

SIAMO ANDATI A CONTROLLARE ▶︎ IL VIDEO

La chiusura dell’allevamento di Misano e di quello di Fossoli (MO), che abbiamo segnalato il mese scorso, sono la dimostrazione che questo business di sofferenza ha fatto il suo tempo.

Queste due notizie danno ulteriore motivazione e forza alla nostra richiesta di una legge che vieti definitivamente questo tipo di attività in Italia, così come già ottenuto in 12 paesi europei.

IL NOSTRO IMPEGNO

per chiudere gli allevamenti da pelliccia

3 indagini dall’interno di allevamenti di visoni pubblicate e diffuse sui media. La prima nel 2013, quando in Italia questa problematica era sconosciuta al di fuori dei canali animalisti.

4 allevamenti che abbiamo bloccato sul nascere. In un periodo in cui sembrava che nuove strutture dovessero aprire in gran numero abbiamo contenuto il problema e bloccato i piani di espansione del settore.

Crescita di supporto per l’abolizione degli allevamenti: dai dati Eurispes in questi anni il numero di persone contrarie all’uccisione dei visoni è salito fino a toccare il 90% degli italiani.

Più di 200.000 firme consegnate a supporto delle proposte di legge per vietare gli allevamenti da pelliccia. Nella scorsa legislatura purtroppo qualcuno ha voluto bloccarne la discussione, ma ne sono già state presentate di nuove e la campagna continua!

Il numero di animali uccisi in Italia si è ridotto da 180.000 a 160.000 visoni. Sono ancora troppi, ma è un buon segno a dimostrazione che il mercato sta calando, i guadagni anche… solo le pressioni per la chiusura aumentano!

In occasione delle recenti elezioni abbiamo convinto 5 dei 6 partiti che compongono il Parlamento a impegnarsi a vietare questa pratica. Ora continueremo affinché la promessa venga mantenuta.

Un allevamento occupato per una intera giornata, impedendo l’uccisione degli animali. Presso la stessa struttura abbiamo organizzato diverse proteste e il mese scorso ha dichiarato la chiusura!

La moda del futuro è senza pellicce. Noi ne siamo certi e ce la stiamo mettendo tutta per fare in modo che anche l’Italia diventi un paese in cui allevare animali per ucciderli e scuoiarli sia considerato un terribile ricordo del passato.

Questo 2019 inizia subito alla grande con questa notizia. Ora siamo ancora più carichi per una nuova fase della campagna, che ti presenteremo a breve.

Insieme possiamo costruire un futuro migliore!

Grazie per essere anche tu dalla loro parte
Il team di Essere Animali

Ps: F****** la prossima mail che riceverai avrà una storia altrettanto positiva e bella. Non ti scordare di aprirla!

Facebook Twitter Youtube Instagram

Essere Animali – diverse specie un solo pianeta

info@essereanimali.org | www.essereanimali.org | tel 02 87199702

Aiutaci donando il 5xmille: CF 97676200153

Ricevi questa mail perché ti sei iscritto dal sito di Essere Animali o hai partecipato a iniziative dell’associazione. Se non vuoi più ricevere nostre notizie puoi cliccare qui sotto

Cancellami

Iniziamo l’anno con una notizia fantastica! ultima modifica: 2019-01-07T14:00:48+02:00 da Essere Animali

I proprietari delle newsletter possono richiedere di rimuovere il contenuto da loro creato e inibire le future pubblicazioni scrivendo a scrivimi@leggonewsletter.it

Hai ricevuto anche tu questa Newsletter? Cosa ne pensi?

Utilizziamo i tuoi dati solo per poter pubblicare il tuo commento.Leggi la pagina della privacy policy per sapere come proteggiamo i dati che inserisci per commentare. I commenti sono protetti da spam da Akismet. Leggi la privacy policy di Akismet per sapere come trattano i tuoi dati.