Russia-Ucraina e ruolo Ue, incognite Brexit, Siria, dl sicurezza

Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
Russia-Ucraina e ruolo Ue, incognite Brexit, Siria, dl sicurezza
30 novembre 2018

La nuova escalation fra Russia e Ucraina nel Mare d’Azov, lo specchio d’acqua condiviso fra i due Paesi che è oggi teatro della più aspra crisi dall’invasione della Crimea nel 2014, impone all’Unione europea di ripensare la sua politica sanzionatoria nei confronti di Mosca. E qualche supplemento di riflessione Bruxelles dovrebbe svolgerlo anche sulla Brexit, mentre a Westminster c’è il rischio che l’intesa raggiunta con l’Ue venga rigettata, aprendo un nuovo difficile fronte per il governo May.

E mentre l’Italia Cinque Stelle/Lega approva in Parlamento un controverso provvedimento che prevede una stretta sull’immigrazione, l’Ungheria di Orbán sconfessa il proprio pugno duro sui rifugiati dando asilo politico all’ex premier macedone Gruevski. E domani scade l’ultimatum per salvare la Central European University a Budapest.

ARTICOLI
La politica delle sanzioni
Russia-Ucraina: Mare d’Azov, Ue è tempo di maggior chiarezza

di Nathalie Tocci, Nona Mikhelidze

Con l’acuirsi delle tensioni nel Mare d’ Azov, il conflitto tra Ucraina e Russia, scoppiato nel 2014 con l’annessione della Crimea da parte russa e la destabilizzazione del Donbass, entra in una nuova fase. Cosa c’è dietro questa escalation?, e…

Riflessioni dopo l’accordo
Brexit: intesa Ue/Gb, tre lezioni da imparare per i 27

di Ferdinando Nelli Feroci

Domenica scorsa 25 novembre una riunione straordinaria a Bruxelles del Consiglio europeo ha sancito l’intesa  tra il governo britannico e i 27 Paesi membri dell’Unione europea sulle modalità del recesso del Regno Unito dall’Ue e sulle grandi linee delle future…

Nella guerra infinita, c’è una speranza?
Siria: le ragioni del conflitto e i problemi tuttora aperti

di Laura Mirachian

I sette anni di guerra in Siria – la guerra, come qualcuno l’ha definita, dei tre ex-imperi russo-persiano-ottomano e, aggiungerei, di un Occidente che ha dismesso le vesti di guardiano del mondo e di difensore, bene o male, dei diritti…

Il disegno di una democrazia illiberale
Ungheria: le provocazioni di Orbán tra Gruevski, Soros e Putin

di Massimo Congiu

Le autorità di Budapest sostengono che la decisione di non estradare l’ex primo ministro conservatore macedone Nikola Gruevski sia stata presa per motivi “umanitari”. Il ministro della Giustizia ungherese László Trócsányi ha infatti affermato che Gruevski rischierebbe la vita nel…

Gli effetti del DL sicurezza ora legge
Migranti: meno accoglienza per loro meno sicurezza per tutti

di Virginia Volpi

L’Italia era il Paese dell’Unione europea che prevedeva per i migranti il sistema di accoglienza diffusa più ampio ed era uno dei pochi a concedere la protezione umanitaria. Il nuovo Decreto-legge immigrazione e sicurezza pubblica, appena tradotto in legge, ridimensiona il Sistema…

ULTIME DAL BLOG

Dal blog Ceralacca

Global Migration Compact e Italia

di Gianfranco Uber

IN EVIDENZA

SEGNALAZIONE
Verso la difesa europea. Il nuovo ordine mondiale, di D. Moro

Verso la difesa europea. L’Europa e il nuovo ordine mondiale, di Domenico Moro, il Mulino, 2018, pag. 278, euro 23

© 2018 AffarInternazionali – www.affarinternazionali.it

Questa email è stata inviata a f************************

Per cancellarvi dalla nostra newsletter, è sufficiente cliccare qui

.

Russia-Ucraina e ruolo Ue, incognite Brexit, Siria, dl sicurezza ultima modifica: 2018-11-30T12:00:08+00:00 da Affari Internazionali

Hai ricevuto anche tu questa Newsletter? Cosa ne pensi?

Utilizziamo i tuoi dati solo per poter pubblicare il tuo commento.Leggi la pagina della privacy policy per sapere come proteggiamo i dati che inserisci per commentare. I commenti sono protetti da spam da Akismet. Leggi la privacy policy di Akismet per sapere come trattano i tuoi dati.