[FiscoOggi newsletter] Sommario del 26 novembre 2018

Sommario del 26 novembre 2018

Rivalsa a seguito di accertamento:
l’Iva si recupera con il giudice civile

Normativa e prassi
Nel caso affrontato dall’Agenzia delle entrate, però, tale strada non è più percorribile perché la società cessionaria è stata cancellata dal registro delle imprese e si è estinta

La rivalsa a seguito di accertamento è un istituto privatistico, essendo relativa ai rapporti interni fra le parti. Nel caso di mancato pagamento dell’imposta da parte dell’acquirente, il fornitore può recuperare l’Iva versata, ma non incassata, rivolgendosi al giudice civile. Ciò non è possibile, però, se il cessionario ha cessato l’attività (risposta 84/2018).

Due principi per disapplicare
le disposizioni Ace antielusive

Normativa e prassi
L’Agenzia delle entrate risolve la problematica delle operazioni potenzialmente in grado di determinare indebite duplicazioni dell’agevolazione “aiuto alla crescita economica”

In caso di incremento di crediti derivanti da finanziamenti ad altri partecipanti al gruppo o di incremento di capitale proprio, sia con conferimenti sia con utili accantonati a riserva, è possibile disapplicare le disposizioni antielusive dettate dal “decreto Ace” provvedendo alla opportuna riduzione della base del beneficio (principi di diritto 11 e 12/2018).

Falcidia concordataria, regime
della sopravvenienza attiva

Normativa e prassi
Fra i chiarimenti richiesti, l’identificazione delle perdite trasferite al consolidato nazionale, le modalità di erosione degli interessi passivi, la compilazione della dichiarazione

Nel caso in cui una società abbia optato per la tassazione di gruppo, la parte non imponibile della sopravvenienza emersa è quella eccedente l’ammontare delle perdite trasferite al consolidato solo dalla consolidante e non anche da eventuali altre società partecipanti. È uno dei quesiti chiariti dall’Agenzia delle entrate con la risposta n. 85/2018.

I motivi generici dell’accesso
non limitano le chance di difesa

Giurisprudenza
Se i verificatori argomentano il controllo riferendosi agli indirizzi di programma annuali ovvero al settore economico di interesse, non si configura la nullità dell’accertamento

È legittimo l’accesso effettuato sulla base di un incarico generale, senza entrare nel dettaglio delle ragioni sottostanti all’avvio della verifica, perché tale inosservanza non comporta la nullità dell’avviso. Rigettato così il ricorso di una società che contestava la violazione dello Statuto del contribuente (Cassazione, ordinanza 28692/2018).

Dal mondo

Nuova Zelanda, Fisco più veloce.
Il rimborso arriva da solo sul conto

L’Inland Revenue verserà direttamente i crediti tributari anche in assenza di una dichiarazione dei redditi

changing for you
Grazie a una serie di innovazioni digitali, nel 2019 sono previste molte novità per i contribuenti, tra cui la possibilità di ricevere il credito d’imposta previsto per le donazioni benefiche inviando via web la foto dei versamenti.

Svizzera

Schede Paese
Continua il processo di trasformazione del sistema fiscale elvetico con l’approvazione del terzo pacchetto di riforme

bandiera Svizzera
L’approvazione dell’Atto federale di riforma fiscale e di finanziamento dell’AHV conclude un processo di riforme del sistema fiscale elvetico iniziato nel 1997 e proseguito nel 2007 che si propone di modernizzarlo e renderlo più adeguato agli standard internazionali pur mantenendo alti livelli di competitività.

La posta

Rinuncia all’eredità e successione

Nel caso di rinuncia all’eredità da parte di uno dei chiamati, gli altri obbligati entro quando devono presentare la dichiarazione di successione?

Avviso ai litiganti

Versamenti con valore presuntivo
nei confronti di tutti i contribuenti

Spetta all’interessato contrastarne l’efficacia dimostrando che le operazioni sono già incluse nel reddito soggetto a imposta o sono irrilevanti

Altre rubriche

Rassegna stampa
Gazzetta Ufficiale
In Parlamento
La redazione di www.fiscooggi.it
via Cristoforo Colombo, 426 c/d – 00145 ROMA – Tel. +39 0650545100 – Fax +39 0650769796

Email: redazione@fiscooggi.it

Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica sono riservate e confidenziali e ne vietata la diffusione in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona a cui il presente messaggio destinato, La invitiamo gentilmente ad eliminarlo dopo averne dato tempestiva comunicazione al mittente e a non utilizzare in alcun caso il suo contenuto.
Qualsivoglia utilizzo non autorizzato di questo messaggio e dei suoi eventuali allegati espone il responsabile alle relative conseguenze civili e penali.

Cancellati dalla newsletter

[FiscoOggi newsletter] Sommario del 26 novembre 2018 ultima modifica: 2018-11-27T00:00:19+00:00 da Fisco Oggi

Hai ricevuto anche tu questa Newsletter? Cosa ne pensi?

Utilizziamo i tuoi dati solo per poter pubblicare il tuo commento.Leggi la pagina della privacy policy per sapere come proteggiamo i dati che inserisci per commentare. I commenti sono protetti da spam da Akismet. Leggi la privacy policy di Akismet per sapere come trattano i tuoi dati.