Brexit e Gibilterra, Global Compact migrazioni, Tunisia, opinione pubblica Ue

Se non si visualizza correttamente questa e-mail cliccare qui
Brexit e Gibilterra, Global Compact migrazioni, Tunisia, opinione pubblica Ue
27 novembre 2018

Via libera senza troppi clamori né dolori anche dal Vertice straordinario dei capi di Stato e di governo di domenica scorsa all’accordo sulla Brexit raggiunto dai negoziatori di Regno Unito e Unione europea. A tenere banco fino a poche ore prima dell’ok, le minacce della Spagna di fare saltare l’intesa sullo status di Gibilterra. La città delle Colonne d’Ercole, al centro di una storica disputa fra Londra e Madrid, rimane fuori dall’accordo, soggetta a futuri negoziati tra le due parti.

E mentre l’Ue si prepara a una campagna elettorale mai come oggi monitorata attraverso le lenti di un’opinione pubblica europea, sul Global compact sulle migrazioni – il documento siglato sotto gli auspici Onu e che sarà adottato a Marrakech tra due settimane – si segnalano le ormai consuete defezioni dei Paesi del Gruppo di Visegrád (per l’occasione allargato).

ARTICOLI
A margine della Brexit
Gibilterra sotto assedio: assalto Spagna con bandiera Ue

di Fabio Caffio

Metaforicamente parlando, il lungo assedio spagnolo alla Rocca di Gibilterra registra un primo successo tattico: Madrid (non l’Ue) sarà d’ora in poi l’unico interlocutore di Londra nelle questioni transfrontaliere. Accordi bilaterali dovranno così regolamentare questioni annose come i controlli doganali…

Il Patto, verso Marrakech
Migranti: il Global Compact dell’Onu conviene all’Italia

di Nino Sergi

Il 19 settembre 2016 l’Assemblea generale dell’Onu ha adottato all’unanimità la Dichiarazione sui migranti e rifugiati, riconoscendo la necessità di un approccio globale alla mobilità umana. A tal fine è stato programmato un ampio percorso di consultazione con le più…

Crisi partiti e ruolo comunicazione
Ue: due nuove sfide per la politica internazionale

di Matteo Scotto

La comunicazione è da sempre anima della politica. Mai, fin dai tempi antichi, fu possibile distinguere tali concetti. Cos’è la retorica, massima arte di persuasione e linfa vitale dell’agire politico, se non comunicazione? Oggi cambiano gli strumenti, in grado ormai…

Dopo la condanna a due anni
Macedonia: la fuga di Gruevski e l’asilo di Orbán

di Edoardo Corradi

Lo scorso 13 novembre l’ex primo ministro macedone Nikola Gruevski ha confermato, dopo giorni che era ricercato dalle autorità giudiziarie della Macedonia, di esser scappato dal suo Paese per recarsi in Ungheria. Il motivo della fuga va ricercato nella condanna…

Manovre verso il voto del 2019
Tunisia: rimpasto di governo verso le elezioni politiche

di Luigi Cino

Lunedì 12 novembre il primo ministro della Tunisia Youssef Chahed ha effettuato un rimpasto ministeriale, aggiungendo diversi nuovi ministri alla sua compagine governativa. Il rimpasto è stato poi sottoposto all’approvazione dell’Assemblea nazionale, che ha dato la sua fiducia all’esecutivo. Questo…

ULTIME DAL BLOG

Dal blog Le Acque Sottovalutate

Dal blog Ceralacca

Pechino e il ponte delle perle Il petrolio val bene una Mecca

di AMIStaDeS

di Gianfranco Uber

IN EVIDENZA

SEGNALAZIONE
L’era dello sharp power. La guerra (cyber) al potere, di Paolo Messa

L’era dello sharp power. La guerra (cyber) al potere, di Paolo Messa, Università Bocconi Editore, 2018, pag. 180, euro 16,50

© 2018 AffarInternazionali – www.affarinternazionali.it

Questa email è stata inviata a f************************

Per cancellarvi dalla nostra newsletter, è sufficiente cliccare qui

.

Brexit e Gibilterra, Global Compact migrazioni, Tunisia, opinione pubblica Ue ultima modifica: 2018-11-27T12:26:08+00:00 da Affari Internazionali

Hai ricevuto anche tu questa Newsletter? Cosa ne pensi?

Utilizziamo i tuoi dati solo per poter pubblicare il tuo commento.Leggi la pagina della privacy policy per sapere come proteggiamo i dati che inserisci per commentare. I commenti sono protetti da spam da Akismet. Leggi la privacy policy di Akismet per sapere come trattano i tuoi dati.