[FiscoOggi newsletter] Sommario del 2 novembre 2018

Sommario del 2 novembre 2018

Bonus “R&S”, nella media storica
anche le commesse dall’estero

Normativa e prassi
Considerata la logica incrementale che caratterizza la norma agevolativa, si deve tener conto di tutte le possibili configurazioni che l’attività di ricerca può assumere

Ai fini della fruizione del credito d’imposta “ricerca e sviluppo”, per verificare se vi è incremento di spesa agevolabile, occorre tener conto di tutti gli investimenti effettuati nei periodi d’imposta rilevanti ai fini della media, compresi i costi relativi ad attività di ricerca commissionata da soggetti non residenti (risposta 58/2018).

Trasporto di energia: il servizio
sconta l’Iva con il reverse charge

Normativa e prassi
Non ha soltanto una generica utilità rispetto alla prestazione principale, ma permette l’effettuazione e la migliore fruizione della cessione del prodotto in favore dei rivenditori

I servizi di trasporto di energia resi da una società, grossista e fornitore in tutta Italia, si considerano prestazioni accessorie alle cessioni di gas ed energia elettrica, in quanto sussiste un evidente nesso di dipendenza funzionale. Va applicato lo stesso meccanismo dell’inversione contabile previsto per l’operazione principale (risposta 59/2018).

Cessioni intracomunitarie di beni
lavorati altrove: transito irrilevante

Normativa e prassi
La merce ha come destinazione finale il paese di stabilimento del committente e non quello in cui passa solo temporaneamente per essere sottoposta a un primo trattamento

La cessione intracomunitaria di beni, che prima subiscono lavorazioni da parte di un terzo soggetto di altro paese, si intende effettuata nei confronti della partita Iva del committente rilasciata dal paese di destinazione del bene, pure quando questi si sia identificato anche nel paese della lavorazione (principio di diritto n. 10/2018).

Prestazioni di servizi ai consorziati
senza Iva a determinate condizioni

Normativa e prassi
Fra le finalità della norma di esenzione, impedirne l’applicazione da parte delle società che effettuano operazioni attive perlopiù con soggetti non associati

I servizi resi per legge da una società consortile a un non socio non entrano nel calcolo della prevalenza delle attività ai consorziati con pro-rata oltre il 10% o verso terzi. Pertanto, i servizi ai consorziati sono esenti da Iva, poiché, al netto delle prestazioni a quel soggetto, l’attività appare svolta prevalentemente a favore dei consorziati (principio di diritto n. 9/2018).

Il magazzino sconosciuto al Fisco
può nascondere un’evasione di Iva

Giurisprudenza
Solo la collocazione dei beni nelle sedi regolarmente dichiarate, nei modi e nei tempi prestabiliti, è in grado di consentire il superamento della presunzione legale di cessione

Si presumono cedute le merci acquistate, importate o prodotte, rinvenute presso un deposito dell’imprenditore, in assenza di una comunicazione della destinazione del locale all’attività d’impresa. Ciò per evitare possibili elusioni dell’Iva per il tramite di immagazzinamenti di beni in locali non noti e non controllabili dall’ufficio (Cassazione, 25662/2018).

Dal mondo

Ue: rafforzata la lotta alle frodi Iva.
Nuove norme sulla cooperazione

Con il Regolamento 1541/2018 maggiore collaborazione anche tra Amministrazioni fiscali, Olaf ed Europol

cooperazione
Dopo circa un anno dalla prima proposta di revisione, la Commissione Europea ha approvato il 2 ottobre, con Regolamento 1541/2018, le attese modifiche al Regolamento 904/2010 che disciplina la cooperazione amministrativa tra i Paesi dell’Unione Europea in materia di lotta alle frodi Iva.    

La posta

Bonifica amianto e detrazione Irpef

In caso di lavori di bonifica dall’amianto, sono detraibili le spese sostenute per il trasporto in discarica?

Avviso ai litiganti

Regole diverse per i controlli
presso i locali o a tavolino

L’iter previsto dagli articoli 6 e 12 della legge 212/2000 si riferisce soltanto alle verifiche con accesso alle strutture destinate all’esercizio dell’attività

Altre rubriche

Rassegna stampa
Gazzetta Ufficiale
In Parlamento
La redazione di www.fiscooggi.it
via Cristoforo Colombo, 426 c/d – 00145 ROMA – Tel. +39 0650545100 – Fax +39 0650769796

Email: redazione@fiscooggi.it

Le informazioni contenute in questo messaggio di posta elettronica sono riservate e confidenziali e ne vietata la diffusione in qualunque modo eseguita. Qualora Lei non fosse la persona a cui il presente messaggio destinato, La invitiamo gentilmente ad eliminarlo dopo averne dato tempestiva comunicazione al mittente e a non utilizzare in alcun caso il suo contenuto.
Qualsivoglia utilizzo non autorizzato di questo messaggio e dei suoi eventuali allegati espone il responsabile alle relative conseguenze civili e penali.

Cancellati dalla newsletter

[FiscoOggi newsletter] Sommario del 2 novembre 2018 ultima modifica: 2018-11-02T23:21:09+00:00 da Fisco Oggi

Hai ricevuto anche tu questa Newsletter? Cosa ne pensi?

Utilizziamo i tuoi dati solo per poter pubblicare il tuo commento.Leggi la pagina della privacy policy per sapere come proteggiamo i dati che inserisci per commentare. I commenti sono protetti da spam da Akismet. Leggi la privacy policy di Akismet per sapere come trattano i tuoi dati.